Fonte: Centro Argentino de Ingenieros

giovedì 1 ottobre 2020

Garantire un approvvigionamento idrico sicuro ed efficiente - intervista a Pablo Bereciartua, Segretario di Stato argentino per le risorse idriche

L'acqua è essenziale per la vita umana. Secondo le Nazioni Unite, l'accesso all'acqua potabile sicura e facilmente accessibile è un diritto umano fondamentale. A Wavin, lo sappiamo in prima persona. Il nostro obiettivo principale è prevenire la contaminazione e lo spreco d'acqua causato da perdite nelle infrastrutture obsolete e aumentare la qualità e le prestazioni delle reti di distribuzione dell'acqua. La nostra missione è fornire soluzioni e formare alleanze/condividere idee con le parti interessate che la pensano allo stesso modo per garantire un approvvigionamento idrico sicuro ed efficiente. Una persona che la pensa così è Pablo Bereciartua, l'ex Segretario argentino per le infrastrutture e la politica idrica, che ha creato il Piano Nazionale dell'Acqua argentino - che collega la politica sull'approvvigionamento idrico e i servizi igienico-sanitari, i cambiamenti climatici, l'espansione della frontiera agricola e le principali infrastrutture - in cui si relazionano tutti e quattro gli aspetti chiave all'acqua come tema centrale per il loro sviluppo economico sostenibile.

Pablo Bereciartua - L'acqua è la chiave per uno sviluppo economico sostenibile

Per oltre un decennio, l'ex Segretario per le infrastrutture e le politiche idriche (dicembre 2015 - dicembre 2019), ha guidato centinaia di progetti idrici e infrastrutturali in tutta l'Argentina. Nel settore pubblico, l'ingegnere Pablo Bereciartua è stato anche Direttore delle Infrastrutture per la Città di Buenos Aires, dove ha affrontato enormi sfide e opportunità per applicare nuove tecnologie alla città e alle infrastrutture regionali.
Inoltre, Pablo è il fondatore e CEO di BerecoLabs, una start-up focalizzata su innovazione, tecnologia e gestione. Bereco utilizza nuove tecnologie e approcci come Big Data, Internet of Things (IoT) e Intelligenza Artificiale, per acquisire una migliore comprensione del mondo che ci circonda e, soprattutto, delle città e dei sistemi infrastrutturali.

Gestione sostenibile dell'acqua: l'appello dell'Argentina all'azione

Ci sono 44 milioni di persone che vivono in Argentina - 8,2 milioni dei quali non hanno accesso all'acqua potabile e altri 20 milioni senza servizi igienici. Il paese dovrà investire fino a 21 miliardi di dollari (USA) per colmare il divario tra "abbienti" e "non abbienti". E ci sono altre sfide: recenti eventi meteorologici estremi che hanno ulteriormente esposto il problema di una gestione inadeguata delle risorse idriche e servizi idrici che non possono sostenere i costi operativi, faticando così a fornire servizi di qualità. Per mitigare queste sfide, Pablo Bereciartua e la sua amministrazione hanno creato il primo piano nazionale per l'acqua del paese. Il piano si basa su quattro aree di sviluppo: (1) acqua (accesso a) e servizi igienico-sanitari, (2) adattamento ai cambiamenti climatici, (3) espansione della frontiera agricola (sviluppo di aree con poca acqua piovana) e (4) grandi infrastrutture (dighe, acquedotti). Il piano propone anche un nuovo quadro normativo che aiuterà i servizi idrici a migliorare la loro situazione finanziaria e promuoverà l'innovazione e la partecipazione del settore privato che aiuterà a risolvere queste sfide. Creando incentivi per un uso più efficiente dell'acqua, il modello di economia circolare può contribuire al raggiungimento del Piano.
Nonostante i progressi compiuti, miliardi di persone non dispongono ancora di acqua potabile, servizi igienici e strutture per il lavaggio delle mani... Un uso e una gestione più efficienti dell'acqua sono fondamentali per far fronte alla crescente domanda di acqua, alle minacce alla sicurezza idrica e alla crescente frequenza e gravità di siccità e inondazioni che derivano dai cambiamenti climatici... È improbabile che la maggior parte dei paesi raggiunga la piena attuazione della gestione integrata delle risorse idriche entro il 2030.
Nazioni Unite , Edizione speciale: progressi verso gli obiettivi di sviluppo sostenibile

L'asse dell'innovazione - Buenos Aires

Buenos Aires è la capitale e la città più grande (un'area di 100 x 50 km) dell'Argentina - con una popolazione di circa 14 milioni di persone - 4 milioni senza allacciamento idrico e 6,5 milioni senza allacciamento igienico-sanitario. La popolazione si è moltiplicata di dieci volte negli ultimi 50 anni. Nonostante ciò, non ci sono stati investimenti nelle fognature e molti utilizzano soluzioni settiche che sono la fonte di inquinamento delle acque sotterranee. Qualsiasi infrastruttura esistente necessita di una revisione completa. Inoltre, in precedenza non era stata pianificata alcuna fognatura nella più grande (ma anche la più povera) area metropolitana (baraccopoli).

La National Water and Sanitation Utility, AySA (Agua y Saneamientos Argentinos) è il numero uno dei consumatori di energia a Buenos Aires. Hanno 25.000 metri di tubazioni di cui il 50% ha mostrato perdite. Secondo Pablo, l'uso dei contatori e della tecnologia digitale "ha il potenziale per supportare grandi miglioramenti nell'efficienza per l'utilità, ma anche fornire un vantaggio più ampio nel settore energetico del Paese". Pertanto, una trasformazione delle infrastrutture idriche e igieniche di AySA risolverebbe anche il problema energetico.

La proposta di progetto di Pablo (nel dicembre 2015) era di lanciare coraggiosamente un progetto su larga scala che includesse tutte le persone (povere) nell'area urbana di Buenos Aires all'interno della rete AySA. Quindi, 4 milioni di persone sarebbero state collegate alla rete (ovvero 1,5 milioni di nuove connessioni) - in fasi progressive: 1 comune ogni 45 giorni. "Larga scala" significava scavare buche profonde 60 metri per installare la rete e un tunnel lungo 12,5 chilometri con una dimensione di 5 metri! Buenos Aires è diventata il banco di prova per l'innovazione. Ma come e da dove verrebbero i sarebbero arrivati i finanziamenti per questo ambizioso progetto? In diversi modi e da diverse fonti: aumento delle tariffe, conteggi più precisi, rimozione di AySa dal bilancio dell'Argentina (una decisione storica), emissione di un'obbligazione alla Borsa di Londra (hanno chiesto 500 milioni, ma hanno ricevuto 2,1 miliardi!).

Secondo Pablo, "La priorità di un governo devono essere i propri cittadini". Inoltre, in un paese come l'Argentina, è importante essere connessi, aperti e trasparenti verso il mondo - per condividere idee, modelli di business e soluzioni tecnologiche innovative e stabilire nuove partnership private. Ad esempio, la conferenza AIWW (Amsterdam International Water Week) "offre un'importante opportunità per l'Argentina di contribuire nell'arena dell'acqua". "Vediamo i Paesi Bassi e Amsterdam come leader in tutto ciò che riguarda le infrastrutture, la sostenibilità, i cambiamenti climatici e l'acqua", ha commentato. "Apprezziamo molto la possibilità di far parte dell'evento e anche di utilizzare l'evento per condividere le nostre idee, ascoltare gli altri ed esplorare la possibilità di partnership in tutto il mondo".

Siamo periodo affascinante. Con possibilità di superare molte grandi sfide. È davvero un momento per le persone che sono disposte a innovare e con un impatto sociale molto elevato. Questo è ciò che apprezzo di più, voglio anche dire che mi piace molto quello che stanno facendo Orbia e Wavin. Sono in contatto con Orbia/Wavin in Messico e Colombia, scambiando idee. Stiamo parlando di progetti infrastrutturali e penso che Orbia/Wavin sia unica in questo senso: capacità globali, forte coinvolgimento in LATAM, con idee importanti e audaci di innovazione.
Pablo Bereciartua

The National Water Plan - Che aspetto ha il futuro?

Per Pablo la risposta è chiara: la priorità è colmare le lacune infrastrutturali. Questo divario è maggiore al livello di reddito più basso della società - nelle baraccopoli, che stanno crescendo in modo esponenziale. Devono esserci reali miglioramenti nella velocità di fornitura e distribuzione di soluzioni e affinché le persone possano ottenere i servizi. Ancora più importante, sottolinea Pablo, “Dobbiamo migliorare le nostre città. Le nostre città sono oggi la risposta alla globalizzazione. È qui che avviene l'innovazione e potremmo persino utilizzare servizi base come l'acqua e i servizi igienico-sanitari come forza trainante per l'innovazione - big data, algoritmi, fibra ottica di vetro - e per considerare il sistema igienico-sanitario come un complemento alla politica sanitaria della società, da utilizzare IoT per monitorare la salute pubblica ".
L'acqua sostiene la vita, ma l'acqua potabile pulita e sicura definisce la civiltà.
Nazioni Unite , Obiettivo di sviluppo della sostenibilità n. 6

Ciò che conta davvero

Per la prima volta in 75 anni il governo argentino ha intrapreso il gigantesco progetto di costruzione di una rete idrica e igienico-sanitaria che interessa almeno 4 milioni di persone - uno dei più significativi nel suo genere… in tutto il mondo. È iniziato a giugno 2016 e entro dicembre 2019 hanno raggiunto il 70%, secondo i piani. Come dice il proverbio: dove c'è una volontà, c'è un modo. E le vite di 4 milioni di persone sono cambiate per sempre, perché i rubinetti dell'acqua sono ora - finalmente - aperti!