venerdì 18 settembre 2020

Ecobonus 110%: tutte le ultime novità 2020

Abbiamo già parlato del Superbonus 110% in relazione all’installazione di un sistema radiante a pavimento. Risparmio economico, detrazioni fiscali, benessere abitativo ed efficienza energetica sono le parole chiave di questo articolo.
Scopriamo insieme tutti gli ultimi aggiornamenti.

Le politiche attive in termini di Ecobonus, ovvero, la detrazione riconosciuta per i lavori edili di risparmio energetico, hanno dovuto cambiare le carte in tavola in seguito alle problematiche legate al Coronavirus.

Dalla detrazione fiscale fino al 65% per i lavori sui singoli edifici al bonus del 110% per le modifiche volte al risparmio energetico. Vediamo le modifiche in auge previste per il 2020 e il 2021.

Detrazione fiscale fino al 75%: come funziona?

Tutti gli interventi applicati alle singole abitazioni, o alle parti comuni di condomini, presentano un bonus detraibile che parte dal 50% fino al 65% del valore totale. Per quanto riguarda le modifiche abitative volte alla riqualificazione energetica, la percentuale del bonus sale fino al 75%.

Le spese rimborsabili si possono raggruppare in questi tre casi “trainanti”:
  1. Lavori di miglioramento termico come pavimenti, finestre, infissi e sistemi di isolamento;
  2. Installazione o sostituzione di impianti di climatizzazione e riscaldamento;
  3. Introduzione di sistemi di domotica per il miglioramento della qualità della vita in casa.


Il Super Ecobonus 110%

Il Decreto di Rilancio parla anche di un super ecobonus del 110% dedicato a chi svolgerà modifiche in casa in termini di miglioramento dell’efficienza energetica. Tuttavia, questa tipologia di detrazione fiscale è destinata solo a condomini e unità immobiliari, persone fisiche, Istituti Autonomi Case Popolari (IACP), e cooperative abitative a proprietà indivisa, escludendo così esercenti di qualunque tipologia.

Quando viene applicata la detrazione del 110%?

L’agevolazione fiscale del 110% supporta i lavori trainanti sopra elencati e deve essere necessaria al miglioramento di due classi per l’attestato di certificazione energetica:
  • interventi di isolamento termico che interessa l’edificio per oltre il 25% della superficie opaca del suo involucro (il “cappotto”i). I materiali isolanti utilizzati devono rispettare i Criteri Ambientali Minimi.
  • Interventi per la sostituzione degli impianti di climatizzazione con impianti centralizzati per il riscaldamento, raffrescamento o flusso di acqua calda con efficienza almeno pari alla classe A di prodotto.
  • Abbinamenti all'installazione di impianti fotovoltaici o di microcogenerazione
  • Interventi antisismici purché vi sia presente una polizza assicurativa (sismabonus)
  • Aggiunta di impianti volti al caricamento di veicoli elettrici e relativo intervento strutturato


Entrambe le soluzioni di detrazione fiscale hanno valenza dal 1 luglio 2020 fino al 31 gennaio 2021. Per avere ulteriori informazioni visita il sito ufficiale ENEA.

Stai pensando di ristrutturare casa e vuoi sfruttare queste detrazioni?
Contatta i nostri tecnici per un consulto sulla scelta della soluzione più adatta alle tue esigenze.





Condividi questa pagina


X
Questo sito utilizza i cookies. Proseguendo nella navigazione del sito ci autorizzi a utilizzare i cookies.
Accetto