Wavin Italia presenta il nuovo raccordo a pressare in ottone per tubi multistrato Tigris M5

lunedì 11 febbraio 2019

Wavin Italia presenta il nuovo raccordo Tigris M5 al Museo Storico Alfa Romeo

Il 31 gennaio 2019, in una location d’eccezione come il Museo Storico Alfa Romeo di Arese, si è tenuto l’evento dedicato al lancio sul mercato italiano del nuovo Tigris M5, il primo raccordo a pressare in ottone per tubi multistrato dotato dell’esclusiva funzione ACOUSTIC LEAK ALERT. Una presentazione in grande stile, organizzata nei minimi dettagli da Wavin Italia e riservata ai rivenditori del comparto idrotermosanitario a livello nazionale, che ha regalato momenti spettacolari e che ha permesso ai numerosi ospiti di toccare con mano (in anteprima rispetto all’effettiva disponibilità sul mercato, prevista per marzo) il nuovo prodotto.

L’appuntamento ha visto salire per primo sul palco Emilio Rigiroli, Territory Director di Wavin Italia e Wavin Turchia, che ha focalizzato il suo speech introduttivo sul tema dell’importanza dell’innovazione. Un videoclip su PlasticRoad, la prima pista ciclabile al mondo realizzata con plastica riciclata e nata dalla collaborazione tra Wavin, Total e KWS, ha anticipato l’ingresso in scena del nuovo raccordo a pressare Tigris M5, trasportato sul palco da un drone di ultima generazione.

“Crediamo fortemente che l’innovazione rappresenti un elemento imprescindibile per il successo di un’azienda e che soltanto portando nuove idee sul mercato e naturalmente mettendole in pratica saremo in grado di creare valore. Oggi presentiamo un prodotto che può essere considerato un vero concentrato d’innovazione, per le sue peculiarità costruttive e prestazionali, e lo facciamo in modo innovativo, vedendolo per la prima volta dal vivo e potendolo toccare con mano qui insieme a voi.
Emilio Rigiroli , Territory Director di Wavin Italia e Wavin Turchia

Successivamente ha preso la parola Carlo Ferrante, Product Manager Hot & Cold di Wavin Italia, spiegando nel dettaglio le funzionalità del nuovo Tigris M5. Oltre ad essere il primo raccordo dotato dell’innovativo sistema ACOUSTIC LEAK ALERT, che permette all’idraulico di individuare immediatamente la mancata pressatura con i collaudi ad aria grazie ad un fischio di 80 db emesso dal raccordo, Tigris M5 offre il passaggio interno più ampio tra i sistemi radiali (fino al 50% in più rispetto alla precedente versione di Tigris) grazie all’innovativo design OPTI FLOW ed è pienamente compatibile con i più comuni profili di ganascia presenti sul mercato.

Non solo, Tigris M5:

  • mantiene la funzione Leak Free per i test ad acqua, 
  • assicura una visibilità a 360° del corretto inserimento del tubo nel raccordo (IN 4 SURE), 
  • non necessita di calibratura (EASY FIT) ,
  • facilita l’installazione, mantenendo il tubo in posizione (fino a 2 metri in verticale) anche senza pressatura (PIPE GRIP).

Marco Basilico, Domestic Sales Manager di Wavin Italia, e Maria Cristina Venturoli, Territory Marketing Manager di Wavin Italia e Wavin Turchia, hanno poi evidenziato le principali attività di comunicazione pensate dall’azienda per promuovere il lancio del nuovo raccordo sul mercato. L’elemento della leva rappresenterà la sintesi del messaggio promozionale, con un invito rivolto agli installatori a fare un nuovo “switch” e a passare al sistema Tigris M5. E in piena linea con le precedenti campagne internazionali dal titolo “Una marcia in più”, che hanno visto la presenza di un testimonial d’eccezione come Gianni l’idraulico e un coinvolgimento di oltre 8.500 installatori in tutta Italia, la strategia si focalizzerà ancora una volta sugli eventi realizzati presso i rivenditori, oltre che sull’utilizzo della tecnologia e dei Social Media.

In conclusione Emilio Rigiroli è salito nuovamente sul palco insieme a tutti gli altri relatori per il saluto finale e per tirare la leva dello switch, invitando in modo simbolico i clienti a fare altrettanto. Al termine dell’evento, gli ospiti hanno avuto la possibilità di visitare il Museo Storico Alfa Romeo.

Per ottenere ulteriori informazioni sul nuovo raccordo Tigris M5 clicca qui o contattaci.